Maroni renda pubblica e trasparente la selezione dell’Amministratore di Infrastrutture Lombarde

Abbiamo ricevuto dalla Regione Lombardia, attraverso il diritto di accesso generalizzatola lista e i relativi Curriculum Vitae dei candidati alla nomina di Amministratore Unico di Infrastrutture Lombarde Spa, per la quale è attualmente in corso la selezione da parte di Regione Lombardia.

Il profilo e il CV dei candidati non sono stati resi noti dall’azionista – Regione Lombardia. Possono tuttavia essere consultati da oggi sul sito dedicato alla campagna “Liquidiamo Infrastrutture Lombarde”, lanciata dai Radicali e sostenuta da personalità del mondo liberale – tra gli altri, Alessandro De Nicola, Alberto MingardiFranco DebenedettiCarlo Alberto Carnevale MafféFranco D’Alfonso.

Sono state presentate nove candidature, una sola delle quali, quella di Valerio Federico di Radicali Italiani, avanzata pubblicamente su proposta di Marco Cappato e con la sottoscrizione di 100 cittadini lombardi con un obiettivo politico chiaro e pubblico: liquidare la società.

Le altre otto candidature all’amministrazione di Infrastrutture Lombarde Spa – partecipata di Regione Lombardia – sono state avanzate da consiglieri Pedrazzini (Pdl) e Capelli (Pdl) e dagli Assessori Sorte (Pdl), Aprea (Pdl). I candidati sono:

Giuliano Capetti  

Andrea Gilardoni    

Franco Lombardi     

Gianluca Maglio   

Adriano Musitelli  

Luca Novara  

Fabio Massimo Saldini

Gaetano Antonino Salonia  

 

Chiediamo:

– Che il Governatore Maroni si esprima sulla proposta avanzata dal candidato Valerio Federico per la liquidazione della partecipata. La società Infrastrutture Lombarde Spa non ha ragione economica di esistere, non procura benefici ai cittadini lombardi, va contro il mercato e nega una governance pubblica fondata su regole, controllo, trasparenza: questa la tesi Radicale. Cosa ne pensa Maroni?

– Che la Regione Lombardia renda pubblico e trasparente il processo di selezione, pubblicando sul sito istituzionale, con adeguata evidenza, l’elenco delle candidature, i relativi proponenti e i CV dei candidati, motivandone di conseguenza la selezione.

– I candidati propongano a loro volta, pubblicamente, la ragione della propria candidatura, anche per allontanare il sospetto che questa ragione risieda in mere alchimie di potere locale, come i profili lascerebbero sospettare

Maroni renda pubblica e trasparente la selezione dell’Amministratore di Infrastrutture Lombarde
Tagged on: